Triora, tre cacciatori scoperti con 19 fucili: tre denunce per bracconaggio

di Alessandro Bacci

Circa 150 le munizioni non denunciate, trovati anche due coltelli di 14 centimetri ancora sporchi di sangue

Diciannove fucili regolari ma mal custoditi, una pistola e circa 150 munizioni non denunciate sono stati sequestrati dai carabinieri forestali di Triora, in un'operazione contro il bracconaggio in valle Argentina, nell'entroterra di Taggia. Tre le persone denunciate per caccia abusiva, una delle quali dovrà rispondere pure del porto abusivo di due coltelli con lama di 14 centimetri, che sono stati trovati ancora sporchi di sangue, segno della probabile attività venatoria.

Le armi sono state sequestrate a uno dei tre uomini, in una perquisizione, durante la quale i militari hanno visto che i fucili anziché essere custoditi in apposite teche o armadietti blindati, erano alla portata di tutti. Le munizioni, inoltre, sono state sottoposte a sequestro probatorio, in quanto nascoste in cantina.