Venerdi, 20 settembre 2019  

Toti: “Saluto romano da idioti, ma non era lo spirito della piazza”

In Comune e in Regione pronti a nascere i gruppi di "Cambiamo!"
2019-09-11T12:48:00+00:00

Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e fondatore di Cambiamo, all’indomani della manifestazione davanti a Montecitorio con Salvini e Meloni, mentre in aula debuttava il Conte Bis, chiarisce che “se qualcuno fa un saluto romano è un idiota”, ma aggiunge: “Non credo fosse quello lo spirito della piazza. Si è guardato il dito di qualche sciagurato, ma non la luna di una protesta di popolo”. Toti ne ha parlato durante un incontro stampa a Genova. “Io non ho visto i saluti romani”, ha anche sottolineato. “Rilevo la mancanza di idee di un Pd costretto sempre a tornare sui temi del fascismo e dell’antifascismo che considerato fortunatamente superati da decine di anni”.

“Se la migliore idea che hanno avuto è quella del bonus per gli asili nido, faccio notare che esiste già in Liguria e Lombardia: forse bastava ragionare più attentamente di autonomia” – ha aggiunto Toti commentando il discorso di Giuseppe Conte per il voto al Governo in Parlamento alla Camera. “Non ho trovato nel discorso del presidente Conte nulla che mi abbia fatto ricredere sulla bontà della scelta di protestare – ha aggiunto Toti -. Sarà un Governo particolarmente inutile per il Paese, inchiodato alle poltrone e soprattutto inchiodato come idee e progetti”.

E intanto, mentre consiglieri regionali nel Lazio hanno lasciato Forza Italia per aderire a “Cambiamo!”, Giovanni Toti aggiunge che presto nasceranno i gruppi in Comune a Genova e in Regione Liguria. “E presto – dice il governatore – “Cambiamo!” diventerà un vero e proprio partito, con statuto e istituzione davanti al notaio”

TELENORD