Condividi:


Spezia, Frijia: "Un Food Village per i crocieristi con le eccellenze del territorio"

di Marco Innocenti

L'idea dell'assessore al turismo: "Potranno assaggiare, comprare ed anche farsi spedire a casa tutti i prodotti"

Nominata assessore al turismo dal sindaco Peracchini a fine novembre, Maria Grazia Frijia non ha perso tempo e si è subito messa all'opera ed ora, nonostante le limitazioni di una pandemia che non accenna a mollare la presa, i primi progetti stanno prendendo via via corpo. "Quando sono arrivata - ci racconta - ho trovato un ufficio che stava lavorando ma che viveva un momento critico perché il 2019 è stato un anno difficile. Ci siamo rimboccati le maniche e stiamo ripartendo in maniera quasi compulsiva. Ogni giorno con mille progetti e idee per sostenere questo comparto che ha bisogno di essere sostenuto dalla nostra amministrazione".

Un primo progetto che sta andando in porto è partito grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio italiana a Nizza. "Si tratta di un progetto che in realtà risale alla fine del 2018 - spiega Frijia - Riguarda 10 comuni italiani che in collaborazione con la Camera di Commercio promuovono i loro territori in Francia, attraverso lo sviluppo di pacchetti promozionali turistici, mettendo a disposizione anche spazi fisici per organizzare eventi. Stiamo progettando di invitare alcuni giornalisti francesi qui da noi alla Spezia per far scoprire loro le nostre bellezze".

Un'altra iniziativa è la "Welcome Card": "E' una carta di benvenuto che sarà il nuovo strumento a disposizione dei turisti. Potranno acquistare, a prezzo calmierato, l'entrata nei musei e sfruttare il trasporto pubblico urbano ed extraurbano in maniera illimitata. I possessori della Welcome Card poi potranno anche usufruire di una scontistica con i negozi aderenti. La pubblicizzeremo sui nostri social e nelle future fiere del settore".

Alla Spezia, insomma, si lavora per farsi trovare pronti, quando la ripresa del turismo arriverà: "Noi siamo positivi - dice ancora l'assessore Frijia - Siamo certi che la ripresa del turismo ci sarà, magari all'inizio un po' più soft e domestico ma le persone hanno voglia di viaggiare, fa parte del nostro stile di vita e per questo siamo certi che riprenderà bene. Riprenderà anche il settore crocieristico. Il blocco durante le feste ha pesato molto sull'economia della nostra città perché ci puntiamo moltissimo ma, lo ripeto, siamo fiduciosi: stiamo cercando di sfruttare questo periodo per far sì che la nostra città diventi sempre più accogliente".

E qui arriva il terzo progetto, quello magari ancora un po' più da definire e concretizzare: "Stiamo parlando con le compagnie crocieristiche per studiare qualcosa di dedicato - ci rivela l'assessore Frijia - L'idea delle idee sarebbe quella di creare un Food Village dedicato ai crocieristi ma ci stiamo ancora lavorando. Non è semplice ma possiamo farcela. Io l'ho pensato così: in questa fase il crocierista non potrà scendere liberamente e allora l'idea potrebbe essere quella di sfruttare spazi chiusi come i musei per allestire un villaggio dove le aziende del nostro territorio possano far assaggiare i prodotti tipici e, dopo l'acquisto, potranno magari anche spedirli direttamente a casa del crocierista".