Sessantenne ruba libro di De Crescenzo “Napolitudine” nella stazione blindata: denunciato

di Redazione

Operazione Alto Impatto ieri a Principe. Da oggi nuovo dirigente Polfer; al posto di Di Donato, ecco Alfonso Polverino

Sessantenne ruba libro di De Crescenzo “Napolitudine” nella stazione blindata: denunciato

A scorgerlo sono stati i commessi della libreria: un sessantenne ieri è stato denunciato dalla Polfer per avere rubato alcuni libri, fra cui “Napolitudine” del compianto Luciano De Crescenzo e di Alessandro Siani, un volume del prezzo del valore di 17 euro che parla dei “dialoghi sulla vita, la felicità e la smania 'e turnà”. Una smania di leggere questo, e altri libri ancora, costato all'uomo una denuncia a piede libero per furto.

Il sessantenne è stato però molto sfortunato perché in un altro giorno, forse, avrebbe potuto sperare di cavarsela con una ramanzina da parte dei commessi, ieri invece appena bloccato è stato affidato a uno dei tanti agenti che presidiavano l'atrio della stazione, blindata per quasi tutto il giorno l'operazione “Alto Impatto”.

Un controllo straordinario organizzato per la seconda volta in pochi mesi dalla Polfer e che ha permesso di monitorare la Principe con decine di agenti lungo i binari, su treni e negli atrii, come disposto dal Ministero degli Interni in contemporanea nelle stazioni ferroviarie principali d'Italia. Ma per la seconda volta il grande spiegamento di forze a Principe ha prodotto però risultati essenziali: nella prima occasione nessun denunciato, ieri, a fronte di 341 persone controllate un solo indagato (il ladro di libri) mentre i cani anti droga del nucleo cinofili della questura hanno fiutato tre modiche quantità di droga nelle tasche di passeggeri che hanno fatto finire i possessori sul registro dei segnalati dell'Ufficio tossicodipendenza della prefettura.

Le costose operazioni volutamente muscolari ad “alto impatto” nascono dalla volontà del ministro degli Interni Matteo Salvini di aumentare la sensazione di sicurezza percepita nei cittadini e nei turisti nei punti di maggior affluenza estivi, come appunto le stazioni ferroviarie.

A Genova l'operazione è quasi coincisa con il cambio della guardia del comando regionale del compartimento ligure della Polfer dove, da oggi, al posto del primo dirigente Pasquale Di Donato, dopo quattro anni in via del Lagaccio trasferito in uffici ministeriali di Roma, è arrivato il primo dirigente Alfonso Polverino, che invece ha fatto la strada inversa visto che arriva proprio da uffici ministeriali della capitale.