Condividi:


Serie A, crollati gli ascolti in tv: -40% dopo il lockdown

di Redazione

La media di telespettatori tra il 5 gennaio e il 24 febbraio era di 6,5 milioni, tra la 27^ e la 30^ giornata la media è crollata a 4 milioni

La Serie A ha perso 2,5 milioni di spettatori in media a giornata. Il dato è stato riportato da il Messaggero, la media di telespettatori tra la 18esima e la 24esima giornata, ovvero tra il 5 gennaio e il 24 febbraio, periodo prima della chiusura a causa della pandemia, era di 6,5 milioni. Tra la 27esima e la 30esima giornata la media è drasticamente calata a 4 milioni. Gli italiani sembrano aver perso interesse per il prodotto così offerto: la mancanza di tifo e le partite troppo ravvicinate sembrano aver fatto disamorare il pubblico. 

Il confronto tra l’ultima giornata di questo giorne di ritorno e la corrispondente nel girone d’andata è inquietante. Anche i big match dell'ultima giornata tra cui il derby di Torino, Lazio e Milan e il posticipo tra Napoli e Roma non sono serviti per rilanciare gli ascolti. In totale la giornata ha attratto 3,5 milioni di telespettatori, all’andata erano stati 6 milioni.

Lo share è crollato del -40%. Le partite che attirano meno sono quelle giocate alle 19.30, in media gli spettatori sono 344mila. Meno della metà di quelli che seguono i match pomeridiani (17.15) e serali (21.45), rispettivamente in media 720mila e 786 mila.

Il calo non sembra arrestarsi. La prima giornata aveva attirato 4,2 milioni di telespettatori, 600mila in meno rispetto alle gare d’andata. Già dalla seconda e la terza hanno riduzione di circa un milione in meno di spettatori.