Danni al suo scooter, accusa posteggiatore abusivo, ma non era vero

di Michele Varì

Ragazzo smentito dai carabinieri: le righe procurate da un motociclista

Trova delle righe sulla carrozzeria del suo scooter e chiama il 112 perché convinto che a procurarle fosse stato un posteggiatore abusivo magrebino con cui poco prima aveva avuto un'accesa discussione per non avergli dato 50 centesimi di mancia.

Protagonista della vicenda un ragazzo genovese di 18 anni forse suggestionato dalle cronache dei social e dei giornali che raccontato di parcheggiatori vendicativi che quando si vedono rifiutare la mancia si trasformano in vandali.

Dopo l'allarme del ragazzo sul posto, in piazza della Vittoria, in centro città, sono arrivati i carabinieri del nucleo radiomobile. I militari, però, dopo un veloce e banale accertamento hanno scoperto che i danni non erano stati procurati da un atto di vandalismo ma da un motociclista poco accorto che, probabilmente, uscendo dal parcheggio aveva procurato le righe dello stesso tipo anche a un'altra moto posteggiata.