Savona, annullata la "Marcia della Pace" del 31 dicembre dopo la "stretta" di Natale del governo

di Marco Innocenti

Al suo posto una veglia di riflessione e la santa Messa all'interno della cattedrale, alla presenza di non più di 200 persone

Savona, annullata la "Marcia della Pace" del 31 dicembre dopo la "stretta" di Natale del governo

Non sarà più “marcia” ma “giornata nazionale della pace” e tutto si svolgerà in Cattedrale, alla presenza di non più di duecento persone. Questa la decisione presa dagli organizzatori della "Marcia della Pace", l’iniziativa prevista per il 31 dicembre a Savona, alla luce del decreto Festività approvato dal Governo il 23 dicembre per contenere la nuova ondata epidemica.

Annullata, quindi, tutta la marcia, con la tappa iniziale in piazza Mameli e le altre tre in luoghi simbolici della città. Di conseguenza l’evento diventa una celebrazione della  “55° Giornata nazionale della pace”, promossa e coordinata dalla diocesi di Savona-Noli, dalla Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, dall’Azione cattolica italiana, dalla Caritas italiana, e da Pax Christi Italia.

La Giornata del 31 dicembre si svolgerà interamente dentro la Cattedrale, alla quale avranno accesso solo le duecento persone previste dalle regole di distanziamento per la basilica. Si inizierà alle ore 19,30 con una veglia ispirata al messaggio di Papa Francesco per la 55° Giornata mondiale per la pace, che ha come tema “Educazione, lavoro, dialogo tra le generazioni: strumenti per edificare una pace duratura". A commentare il testo saranno don Luigi Ciotti, fondatore del “Gruppo Abele” e di “Libera”, Renata Barberis, operatrice della Comunità di San Benedetto al porto di Genova, e Susanna Bernoldi, attivista e dirigente dell’Aifo (Associazione amici di Raoul Foullereau).

Terminata la veglia, intorno alle ore 20,50, inizierà la celebrazione della Messa, che vedrà concelebrare, insieme al vescovo di Savona-Noli monsignor Calogero Marino e monsignor Luigi Bettazzi vescovo emerito di Ivrea (98 anni, protagonista di tutte le Marce della pace svoltesi finora). La celebrazione sarà trasmessa in diretta da Tv2000. E’ prevista, alla fine della Messa, una raccolta fondi per il progetto diocesano “La Scuola che sogniAMO”, ideato dalla Caritas diocesana, dall’Ufficio missioni e migrazioni e dall’Ufficio scolastico per aiutare l'integrazione dei giovani di origine straniera nel tessuto sociale e della scuola.

A tutti i partecipanti sarà donato uno zainetto con il logo della Giornata, un libretto con testi utili, la rivista “Mosaico di pace”, il depliant del progetto da sostenere e una sorpresa tipicamente savonese. Per ragioni di sicurezza, si consiglia la partecipazione all’evento soprattutto a chi risiede nel territorio ligure.

Per essere più sicuri di poter entrare in Cattedrale è opportuno prenotarsi presso la Curia diocesana di Savona-Noli nei giorni dal 27 al 31 dicembre, dalle 9,30 alle ore 12 telefonando allo 019.8389601.