Sanremo, ex ambulante uccise medico legale: confermati 30 anni di reclusione

di Redazione

L'episodio avvenne il 27 settembre 2018 nello studio del dottore Giovanni Palumbo. Era stata contestata l'aggravante della premeditazione 

Sanremo, ex ambulante uccise medico legale: confermati 30 anni di reclusione

La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni di reclusione per Vincenzo Mercurio, 57 anni, l'ex ambulante di Ventimiglia, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà, per avere ucciso a coltellate il medico legale Giovanni Palumbo, 61 anni, di Vallecrosia, il 27 settembre 2018 nel suo studio di via Fratti, a Sanremo.

Mercurio ha assassinato Palumbo per vendetta, a causa di una perizia nell'ambito di un procedimento giudiziario legato alla perdita della vista da un occhio. La Suprema Corte, nel rigettare il ricorso presentato dai legali della difesa di Mercurio che contestavano l'aggravante della premeditazione, ha di fatto confermato la sentenza in Appello, che a sua volta confermava quella di primo grado, emessa il 6 marzo del 2020 in rito abbreviato.