Condividi:


Sanità: Onlus dona 4 ecografi agli ospedali di Genova 

di Redazione

La Traverso Onlus in collaborazione con i bikers harleysti

Quattro ecografi portatili, utili anche per la diagnosi della polmonite interstiziale provocata dal coronavirus, e destinati agli ospedali Villa Scassi di Sampierdarena, Antero Micone di Sestri Ponente, Evangelico di Voltri e Galliera.

Questa la donazione della Riccardo Traverso Onlus che ha consegnato le apparecchiature ai dirigenti delle Radiologie dei quattro nosocomi, alla presenza della vicepresidente e assessore alla Sanità della Regione Liguria Sonia Viale.

La raccolta fondi attivata circa due mesi fa dalla Onlus anche grazie alla collaborazione fra gli altri dei portuali e dei bikers harleysti ha consentito di raggiungere la cifra di circa 21mila euro, utile all'acquisto delle apparecchiature, importate non con senza difficoltà dal Canada.

"Questa donazione è frutto della grande generosità di tanti genovesi - ha detto l'assessore Viale - che in questi mesi di emergenza si sono mobilitati per sostenere in particolare gli ospedali dell'area metropolitana in prima linea durante la fase più acuta dell'emergenza".

"Si tratta - ha detto Piergiuseppe Traverso, presidente della Onus che è nata per ricordare il figlio scomparso prematuramente - di apparecchiature sofisticate, leggerissime e senza fili che possono essere utilizzate al letto del paziente e anche al domicilio. Consentono la produzione di immagini in alta definizione trasmesse in wireless sugli schermi di smartphone, tablet o computer tramite una app fornita gratuitamente dal produttore".

Presenti alla consegna i referenti degli ospedali interessati con i direttori dei reparti di Radiologia a cui sono specificamente destinate le apparecchiature e la consigliera regionale Lilli Lauro, tra i promotori dell'iniziativa. Per capire l'importanza di questi sofisticati ecografi portatili basti dire che fra i quattro ospedale solo uno, il Galliera, ne aveva uno. 

Emozionati per la donazione anche alcuni bikers harleysti del club di Nervi arrivati in piazza De Ferrari con le loro splendide moto: "Noi appassionati di Harley siamo come una grande famiglia e quando capita l'occasione ci impegniamo sempre in prima persona per fare del bene".