Sampdoria, Ranieri: "Massima allerta ma restiamo positivi, gli attaccanti dell'Inter si fermano con le catene..."

di Maria Grazia Barile

Dubbi di modulo, il tecnico non esclude una difesa a tre

Sampdoria, Ranieri: "Massima allerta ma restiamo positivi, gli attaccanti dell'Inter si fermano con le catene..."

"Siamo sempre nelle sabbie mobili, in piena lotta,  ma finisse ora il campionato saremmo salvi, quindi massima allerta ma restiamo positivi". Questo il messaggio forte alla squadra e all'ambiente di Claudio Ranieri in vista della trasferta di Milano con l'Inter: "Al Meazza servirà una squadra perfetta, che giochi compatta per contrapporsi alla forza d'urto dell'avversario, che abbiamo studiato a fondo e di cui conosciamo le qualità. Noi dovremo essere attenti, concentrati, compatti nei reparti, solo così possiamo pensare di portare a casa punti da San Siro. I loro attaccanti si fermano con le catene... sporcando i palloni e facendo arrivare meno rifornimenti possibili".

Il tecnico è convinto che la squadra saprà reagire alla batosta di domenica: "La squadra reagisce ogni volta, con la Fiorentina è stata una partita nata male e che dobbiamo archiviare perché ci aspetta un'altra partita tosta, difficile ma anche molto bella. Non credo si possa parlare di problemi di mentalità, non ho visto una squadra demotivata o sazia, eravamo partiti con il piglio giusto ma abbiamo subito tre gol su tre cross. La squadra non è stanca, forse è stata una conseguenza mentale della partita".

Sui tanti gol subiti e sulle critiche ad Audero, Ranieri cerca di minimizzare: "Quando si subiscono tanti gol spesso è il portiere a finire nell'occhio del ciclone ma io ho tantissima fiducia in Audero, che ha avuto un avvio di carriera brillante, mi è sempre piaciuto anche prima che io arrivassi qui e punto molto su di lui".

In tema formazione il tecnico non si è sbilanciato, lasciando però intendere anche dubbi di modulo e non escludendo una possibile difesa a tre.