Sampdoria, l'ex presidente Ferrero rinviato a giudizio ma torna libero

di Edoardo Cozza

La decisione del gup di Paola: revocati gli arresti domiciliari all'ex numero uno blucerchiato, che dovrà rispondere di bancarotta e reati societari

Sampdoria, l'ex presidente Ferrero rinviato a giudizio ma torna libero

Massimo Ferrero, ex presidente della Sampdoria, è stato rinviato a giudizio insieme ad altri otto indagati dal gup di Paola al termine dell'udienza preliminare che si è svolta questa mattina nel tribunale della cittadina in provincia di Cosenza. L'ex numero uno blucerchiato, però, torna libero, perché il giudice ha scelto di revocare la misura degli arresti domiciliari.

Il presidente della squadra ligure era stato arrestato a Milano per reati societari e bancarotta, mentre altre cinque persone erano finite ai domiciliari tra cui la figlia di Ferrero, Vanessa e un nipote, Giorgio. Ferrero, in carcere a San Vittore, era poi passato ai domiciliari il 21 dicembre scorso, quando il tribunale del Riesame di Catanzaro aveva accolto la richiesta dei difensori dell’imprenditore.

Insieme a Massimo Ferrero, sono stati rinviati a giudizio: Vanessa Ferrero, Giorgio Ferrero, l’ex moglie Laura Sini, Aniello Del Gatto, Roberto Coppolone, Cesare Fazioli, Giovanni Fanelli, Paolo Carini.