Condividi:


Renzi: "Senza accordo sul Recovery Fund dimissioni delle ministre di Italia Viva"

di Redazione

Pensiamo che il piano predisposto dal presidente del Consiglio manchi di ambizione, sia senz'anima, si vede che non c'è un'unica mano che scrive"

"Quando parlo di qualche settimana dico che non può tirare troppo sulle lunghe, se c'è l'accordo" sul Recovery "bene, si va avanti, se non c'è l'accordo è evidente che faranno senza di noi e le ministre si dimetteranno. Non siamo alla ricerca di poltrone ma di idee". Lo dice il leader di Iv Matteo Renzi in conferenza stampa al Senato.

Mercoledì mattina il ministro Roberto Gualtieri ospiterà la delegazione di Iv: "andranno i capigruppo Faraone e Boschi e le ministre Bonetti e Bellanova. Con questa delegazione presenteremo 61 punti su cui al momento non siamo d'accordo delle 103 pagine di Next generation Eu. Dico 'al momento' perché chiederò ai parlamentari di Iv di indicare eventuali ulteriori suggerimenti. Andremo combattivi come sempre", ha aggiunto Renzi in una conferenza stampa in Senato.

"Pensiamo che il piano predisposto dal presidente del Consiglio manchi di ambizione, sia senz'anima, si vede che non c'è un'unica mano che scrive. E' un collage talvolta raffazzonato di pezzi di diversi ministeri. Si vede la mano burocratica di chi mette insieme i pezzi", ha detto il leader di Iv. 

"La controproposta di Iv è partire dalla parola Ciao. Il progetto Ciao tiene insieme Cultura, Infrastrutture, Ambiente, Opportunità. Il filo rosso è la parola lavoro. Pensiamo si possano creare migliaia di posti di lavoro", ha annunciato Renzi parlando del Recovery plan. 

I ministri Roberto Gualtieri ed Enzo Amendola dovrebbero vedere domani pomeriggio al ministero dell'Economia le delegazioni di M5s e Pd e mercoledì incontrare i rappresentanti di Iv, Leu e Autonomie. Lo si apprende da fonti di governo. Gli incontri avverranno dopo l'invio delle proposte di modifica dei partiti alla bozza di Recovery plan del governo.

Condividi: