Condividi:


Radura della Memoria, l'architetto Boeri: "Un piccolo spazio di speranza"

di Redazione

L'intervista di Telenord all'uomo che ha progettato lo spazio alberato e il Memoriale che sorgerà nel sito della pila 9 del Morandi

"Oggi è una giornata di lutto e di richiesta di giustizia: è stata una tragedia inaccettabile perché evitabile. La radura vuole essere un piccolo spazio di speranza, perché è fatta di 43 alberi che cresceranno". Sono le parole  di Stefano Boeri, l'architetto che ha progetto la Radura della Memoria e il Memoriale che sorgerà poco distante, nel sito della pila nove del ponte Morandi. 

"Questo spazio vuole essere un elogio alla diversità: ogni albero è un individuo e allos tesso tempo un mondo che crea uno spaziom un anfiteatro dove essere accolti" ha continuato Boeri, che poi ha descritto il futuro memoriale: "Sarà un grande spazio che comprenderà alcune macerie del ponte Morandi, una serra, documentazione sul crollo e uno spazio dedicato ai parenti".