Prezzi alle stelle, l'allarme di Assoutenti: "Una famiglia di 4 persone spenderà 2.753 euro in più all'anno"

di Marco Innocenti

I rincari maggiori su biglietti aerei internazionali (+103,3%), elettricità (+73,5%) e olio di semi (+70,2%) ma salgono anche metano, gasolio e gpl

Prezzi alle stelle, l'allarme di Assoutenti: "Una famiglia di 4 persone spenderà 2.753 euro in più all'anno"

I prezzi al dettaglio registrano a maggio nuovi pesantissimi record, con alcune voci che segnano incrementi annui tra il +70% e il +100%. Lo denuncia Assoutenti che, sulla base degli ultimi dati Istat sull'inflazione, ha stilato la mappa dei rincari che si sono abbattuti nell'ultimo mese sulle tasche degli italiani. A maggio il record dei rincari spetta ai biglietti aerei internazionali, che "su base annua sono aumentati del +103,3% - analizza Assoutenti - L'energia elettrica è salita del +73,5% mentre per l'olio di semi occorre spendere il 70,2% in più. Il gas aumenta del +66,3% rispetto a maggio del 2021, il gasolio per riscaldamento del +47,5% mentre Gpl e metano salgono del +43,6%. In particolare nel comparto alimentare, oltre all'olio di semi, si registrano pesanti aumenti per burro (+22,6%), farina (+18,6%), pasta (+16,6%), ma costano molto di più anche il pollo (+13,8%), le uova (+12,3%) i gelati (+11,2%)".

Anche il settore dei servizi è segnato da sensibili aumenti delle tariffe: oltre ai voli internazionali, Assoutenti segnala aumenti per i traghetti (+22,7%), noleggio auto (+22,1%), voli nazionali (+21,4%), lezioni di guida, esami, patenti (+16,1%). Incrementi dei listini anche nel comparto del turismo: in vista della stagione estiva, le tariffe di alberghi, motel, pensioni rincarano del +14,1%, i pacchetti vacanza internazionali del +8,6%. "La situazione dei prezzi in Italia è letteralmente fuori controllo, e per trovare un'inflazione così elevata occorre tornare indietro di 36 anni - afferma il presidente Furio Truzzi - A causa dei rincari che si sono abbattuti sulle tasche degli italiani e con questo livello di inflazione, una famiglia di 4 persone si ritrova a spendere nel 2022 circa 2.753 euro in più su base annua. Solo per mangiare e come conseguenza dei fortissimi aumenti del comparto alimentare (+7,5% a maggio) un nucleo è costretto a spendere 562 euro in più all'anno".

Proprio per protestare contro il caro-prezzi e spingere il Governo ad attivarsi per tutelare consumi e potere d'acquisto, le associazioni dei consumatori scenderanno in piazza il prossimo 10 giugno per la manifestazione unitaria "Protesta delle pentole vuote", che si terrà alle ore 11 con raduni e presidi a Roma in Piazza Santi Apostoli a Roma e contemporaneamente in tutti i capoluoghi regionali davanti alle Prefetture. In tale data le Associazioni presenteranno una piattaforma di interventi per calmierare i prezzi e combattere la speculazione, chiedendo al Governo di includere i rappresentanti dei consumatori tra le Parti sociali per confrontarsi sul contrasto alla povertà energetica, sul sostegno alle famiglie e ai soggetti più fragili, sulla determinazione e sorveglianza dei prezzi, sui carichi fiscali.