Porti, Lega: “Ministero della Salute sblocchi il protocollo sicurezza per le navi"

di Redazione

L'appello di Rixi e Donina: "Il settore crocieristico deve riprendere, sono a rischio 24mila posti di lavoro"

Porti, Lega: “Ministero della Salute sblocchi il protocollo sicurezza per le navi"

Roma, 23 lug. – “Il ministero della Salute non perda altro tempo e sblocchi il Protocollo sulle misure per la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 a bordo delle navi da crociera, già pronto e condiviso dalle parti interessate. Il blocco del comparto crocieristico, che dura ormai da cinque mesi, sta avendo ripercussioni sia dirette su un settore che rappresenta 3,5 miliardi di euro di fatturato sia indirette sulla cantieristica, con ritardi nelle consegne dei prossimi ordinativi, sul turismo e sul movimento passeggeri nei porti di scalo.

Ci sono 24 mila posti di lavoro in ballo: l’Unione europea ha già emesso le linee guida per la sicurezza, ora tocca al governo italiano mettersi in regola con le norme di sicurezza e far ripartire un comparto vitale per il Paese”.

Lo dichiarano i deputati della Lega Edoardo Rixi e Giuseppe Donina, componenti della Commissione Trasporti alla Camera.