Orientamenti, il rettore Delfino: "Oggi Genova diventa capitale della cultura e della formazione"

di Alessandro Bacci

Inaugurata la 26esima edizione della manifestazione: "Il futuro post pandemico sarà ricco di opportunità, usciamo da questa stagione d'ombra"

Orientamenti, il rettore Delfino: "Oggi Genova diventa capitale della cultura e della formazione"

Aperta ufficialmente la 26esima edizione del Salone Orientamenti che, dopo la parentesi dello scorso anno, torna in presenza. A "tagliare il nastro" dell'edizione 2021 sarà il ministro dell'istruzione Patrizio Bianchi, ospite dell'evento inaugurale in programma oggi nella sala Maestrale dei Magazzini del Cotone del Porto Antico. Collegato in remoto anche il ministro del lavoro Andrea Orlando

Il tema di quest'edizione, che si svolgerà fra il 16 e il 18 novembre, è ben riassunto nella parola chiave, scelta quest'anno: react, cioé reagire, anche grazie alle testimonianze dirette dei tanti protagonisti che, nel corso della manifestazione, proveranno a trasmettere le loro storie (di reazione, appunto, alle difficoltà) ai giovani che affolleranno il salone in queste tre giornate.

Ad aprire la nuova edizione della manifestazione è stato il rettore dell'università di Genova Federico Delfino: ""Oggi Genova diventa capitale della cultura, della conoscenza e della formazione. Mi rivolgo ai ragazzi: l'Università è una scelta importantissima per la vita futura e per gli sviluppi professionali e familiari, è fondamentale avere interazione tra il mondo delle scuole e dell'uuniversità per capire gli orientamenti dei giovani e seguirli. Il mondo dell'occupazione cambierà mlto nei prossimi anni, ci sarà una svolta epocale con l'automazione. L'insieme delle competenze che l'Univeristà vi può fornire è fondamentale per crescere, per essere resilienti e per reagire. Mi piace quando i giovani si danno da fare, hanno un obiettivo e lo raggiungono. Il futuro post pandemico sarà ricco di opportunità, usciamo da questa stagione d'ombra e cerchiamo di aprirci. L'università è disponibile al confronto con i giovani, con i professori. Questo è un valore aggiunto del nostro territorio, piccolo ma coordinato e coeso cverso la crescita sociale e lo sviluppo economico.”