Condividi:


No border bloccano valico di Ponte San Luigi a Ventimiglia

di Edoardo Cozza

Durante la protesta esporto uno striscione per Moussa Baldo, il 23enne guineano che si è impiccato a fine maggio nel Cpr di Torino

Diverse decine di no border hanno bloccato, sabato mattina, il valico di Ponte San Luigi, a Ventimiglia, per una manifestazione a favore dei migranti. La manifestazione, pacifica, si è svolta davanti a un nutrito numero di poliziotti e carabinieri e uomini della police, mente agenti della polizia locale dirottavano il traffico verso il valico a mare di Ponte San Ludovico.

La manifestazione pro-migranti è durata una quarantina di minuti, dopodiché il presidio si è sciolto. Durante la protesta sono stati scanditi slogan ed esposti striscioni, uno anche per Moussa Balde il cittadino guineano di 23 anni, che si è impiccato a fine maggio nel Cpr di Torino e che, il 9 maggio scorso, proprio a Ventimiglia, era stato picchiato da tre italiani, in seguito al tentato furto di un telefonino a uno degli aggressori.