Morte Sassoli, Becchi: "Colpa del vaccino?". L'università di Genova si dissocia: "Opinioni personali"

di Edoardo Cozza

Il docente di filosofia genovese twitta: "Non ci sono correlazioni col booster?". Ma l'ateneo ribadisce: "Prendiamo le distanze, siamo a favore della scienza"

Morte Sassoli, Becchi: "Colpa del vaccino?". L'università di Genova si dissocia: "Opinioni personali"

"Rispetto per la morte di David Sassoli. Ma è morto in seguito alla terza dose? Non c'è nessuna correlazione? Non rendete pubblica neppure l'autopsia? O non la fate neppure? Costringete la gente a vaccinarsi e a morire. State costruendo una tirannia sanitaria mai esistita prima". Lo scrive in un tweet il docente di filosofia genovese Paolo Becchi, considerato alcuni anni fa come uno degli ideologici del M5S della prima ora.

"Nell'esprimere cordoglio per la scomparsa del Presidente Sassoli, l'Università di Genova prende doverosamente le distanze dai contenuti del tweet del prof.
Paolo Becchi precisando che si tratta di opinioni strettamente personali e non condivise dall'Istituzione". A dirlo, in una nota ufficiale, l'Universita di Genova che si dissocia dalle posizioni espresse dal professore. "L'ateneo tiene a sottolineare che, come sede del sapere e della ricerca si attiene rigorosamente alle evidenze scientifiche: nel caso specifico, tutte a favore della validità e della necessità sempre più stringente di una capillare campagna vaccinale che porti il Paese e la vita di tutti verso la normalità e una rinnovata produttività", scrive l'università in una nota.