Sabato, 20 luglio 2019  

Mondiali Antirazzisti, tutto il calcio Uisp a Riace

Il messaggio dominante dell’edizione di quest’anno è stato “La differenza ci unisce”
2019-07-11T19:19:40+00:00

Tre giorni di sport e integrazione hanno caratterizzato i Mondiali Antirazzisti Uisp che si sono conclusi domenica 7 luglio a Riace, la località calabrese, divenuta simbolo di accoglienza nel mondo, e che hanno visto la partecipazione di ben 60 squadre e di oltre 800 persone provenienti da tutta Italia ma anche da Austria, Francia, Germania e Inghilterra, che si sono incontrate sui cinque campi di calcio allestiti per l’occasione a ridosso del borgo in partite autoarbitrate no-stop, ogni giorno sino al tramonto. Squadre fatte di persone che praticano lo sport abitualmente o soltanto in occasioni di aggregazione come queste; squadre di amici, di migranti che hanno ottenuto lo stato di rifugiati, e poi, ad esempio, richiedenti asilo e formazioni nate nell’ambito progetti di inclusione sociale, negli Sprar, secondo una costante, comune, visione di bene collettivo e di umanità. Persone, quindi, con le loro storie normali e al tempo stesso straordinarie, di sport e integrazione, di valori quotidiani e convivenza.

Il messaggio dominante dell’edizione di quest’anno dei Mondiali Antirazzisti è stato “La differenza ci unisce”. L’unione di umanità che dai campi da gioco si è ritrovato lì, in quel mare da dove è partita la storia del cosiddetto “modello Riace”: il mare da cui, complice il vento, sono arrivati con un veliero i primi migranti e da cui è nato lo spunto per la creazione di un modello considerato da molti e su scala mondiale esempio di accoglienza.

Il titolo sportivo della manifestazione è andato alla squadra di San Giovanni Apostolo di Palermo che ha vinto 3-2 su quella del Centro di Camini, vicino a Riace, al quale è andata comunque la Coppa Accoglienza, uno dei principali riconoscimenti dei Mondiali Antirazzisti Uisp. Ma a vincere sono stati poi tutti, uomini e donne, ragazze e ragazzi, come simboleggia la Coppa Mondiali Antirazzisti assegnata a tutti i partecipanti. Un premio che ha come sfondo sempre il mare di Riace, il mare da dove tutto è iniziato e da dove tutto, come sperano in molti, dovrà ricominciare.

TELENORD