Elezioni regionali Liguria, Massardo: "Ecco i miei capolista"

di Redazione

Martedì la presentazione ufficiale delle liste. A Telenord il candidato si presenta con l'esito, negativo, del tampone covid

Aristide Massardo, candidato alla presidenza di Regione Liguria per la lista Massardo, racconta ai microfoni di Telenord lo schieramento che lo appoggia: tre partiti nazionali (Partito socialista, Più Europa e Italia Viva) all'interno della lista civica. Una candidatura per agevolare Toti? "La cosa viene detta perché qualcuno ha paura di perdere. La scelta di Sansa è stata quella di coalizzrsi verso la sinistra lasciando uno spazio vuoto al centro. Il problema è nella scelta fatta dal PD con questa candidatura. Si è fatta questa scelta per perdere e non per vincere", dichiara Massardo, che si presenta alla diretta di Telenord con l'esito, negativo, del tampone covid. L'intento è quello di sfatare dicerie, legate ad un peristente raffreddore, "ereditato" da un nipotino. 

Con Massardo facciamo il punto sui temi della campagna: "Noi vogliamo dare alla regione una visione per poter uscire dall'emergenza continua: idrogeologica, del lavoro, di una sanità che va curata. La sanità sta scontando un lungo periodo di problemi gravi, non possiamo dare tutte le colpe a Toti. E non possiamo abbandonare il territorio a se stesso".

L'intervista a Massardo - qui visibile in versione integrale - è l'occasione anche per anticipare alcuni dei nomi della lista: 30 in tutto, con capolista  su La Spezia Juri Michelucci (Italia Viva) consigliere regionale uscente, a Genova il medico chirurgo Valter Ferrando già consigliere regionale e presidente della commissione Sanità, a Savona Sara Badano del Partito Socialista (Consigliere provinciale a Finale Ligure), a Imperia l'architetto Roberto Saluzzo.

Martedì prossimo
a Genova al Banano Tsunami del Porto Antico la presentazione ufficiale di tutti i candidati.