Condividi:


Marassi, quattro detenuti in trasferta a Roma per partecipare a "Italia's Got Talent"

di Redazione

I concorrenti sono stati scortati nella capitale durante la notte. La denuncia della Uil: "Uno spreco di risorse"

Ieri notte quattro detenuti del carcere di Marassi sono stati trasferiti a Roma per poter partecipare alla registrazione del programma "Italia's Got Talent". A denunciarlo è il sindacato Uil PA Penitenziari, che ha descritto la vicenda in una nota stampa.

Intorno alle quattro di mattina i quattro uomini (in carcere per reati come truffa, omicidio, produzione e traffico di stupefacenti e lesioni) sono stati scortati al carcere di Rebibbia in attesa di poter parteciapare al programma come concorrenti negli studi di Cinecittà. 

Il sindacato sottilinea che l'operazione mette a rischio contagio da Covid 19  i detenuti e il personale. "La Polizia Penitenziaria del distretto regionale attende 39 mila ore di straordinario non pagato (accantonato) , deve anticipare i soldi delle missioni e sopratutto il rischio da evitare in questo momento è la movimentazione dei detenuti", sottolinea il segretario regionale di Uil PA Penitenziari Fabio Pagani. "Non possiamo permetterci errori, altrimenti gli sfrozi metti in atto fino a questo momento saranno inutili. Più che scoprire talenti-detenuti, bisogna coinvolgere il Governo conte sulle carceri, evitando tali inutili dispendi di uomini, mezzi e risorse".