Marassi: detenuto tenta il suicidio, salvato dagli agenti

di Redazione

L'uomo è stato soccorso tempestivamente e messo in regime di Gran Sorveglianza

Marassi: detenuto tenta il suicidio, salvato dagli agenti

Ieri pomeriggio (17 aprile) intorno alle 16 un detenuto di 55 anni originario del Belgio ha tentato di togliersi la vita nel carcere di Marassi. L'uomo, che deve scontare una pena fino al 2029 per associazione mafiosa e traffico di stupefacenti, ha cercato di impiccarsi ed è stato salvato dal tempestivo intervento degli uomini della Polizia Penitenziaria. Soccorso e medicato, il detenuto è ora sottoposto al regime di Gran Sorveglianza che prevede dei controlli ogni 15 minuti. Il segretario Regionale Uil Penitenziari Fabio Pagani ha sottolineato come l'emergenza covid-19 stia aggravando ancora di più la situazione di sovraffollamenteo della casa circondariale di Marassi che dovrebbe ospitare 500 detenuti a differenza dei 720 presenti attualmente. Lo stesso Pagani ha auspicato che i responsabili amministrativi del sistema penitenziario ligure si impegnino a trovare delle soluzioni possibili ed efficaci per alleggerire la pressione all’interno del carcere.