Liguria, inaugurazione anno giudiziario: in crescita morti sul lavoro e inchieste legate alla pandemia

di Giorgia Fabiocchi

Indagini legate a condotte illecite di soggetti, sia singoli che associati, contrari alle vaccinazioni e al green pass

Liguria, inaugurazione anno giudiziario: in crescita morti sul lavoro e inchieste legate alla pandemia

In Liguria sono in crescita gli infortuni e le morti sul lavoro. Questo quanto emerso dalla relazione del procuratore generale della corte d'appello di Genova Roberto Aniello nel corso dell'inaugurazione dell'anno giudiziario. "È un fenomeno - sottolinea Aniello - che rischia di incrementarsi anche perché le recenti normative che hanno introdotto agevolazioni finanziarie per le ristrutturazioni edilizie, oltre all'effetto positivo per il risanamento del patrimonio immobiliare, hanno dato luogo ad un proliferare di lavori edili che però non sempre sono assistiti dalle prescritte cautele".

Per tale ragione, ha spiegato il procuratore generale, la Procura di Genova "ha  di recente fornito precise istruzioni a tutte le forze dell'ordine operanti sul territorio per svolgere un più puntuale controllo dei cantieri e dei luoghi in cui comunque si svolgono lavorazioni pericolose per l'incolumità dei lavoratori, essendo evidente che le Asl e l'Ispettorato del lavoro non sono in grado di compiere tutti i controlli necessari stante la cronica insufficienza del personale a disposizione".

Sempre durante l'inaugurazione dell'anno giudiziario è emerso che la pandemia, da oramai due anni a questa parte, ha portato nuovi carichi di lavoro per le procure ligure. "Sono stati iscritti procedimenti relativi ai decessi nelle residenze per anziani, per ipotizzate inosservanze di misure precauzionali nel contrasto e nella prevenzione della diffusione del virus covid-19. E poi ci sono due inchieste a Genova e Imperia per decessi che si sospetta essere legati alla vaccinazione contro il Covid", ha aggiunto il procuratore Aniello.

Altre indagini sono legate a condotte illecite di soggetti, sia singoli che associati, poste in essere per la contrarietà alle vaccinazioni e ai cosiddetti green pass. "Non spetta alla magistratura occuparsi delle cause di tali opinioni, che trovano le proprie radici nell'irrazionale rifiuto delle competenze scientifiche, sindrome che ha purtroppo colpito anche alcuni giuristi e filosofi un tempo apprezzati, i quali hanno prospettato improbabili argomentazioni a sostegno del carattere liberticida dei provvedimenti normativi", il commento del pg di Genova Roberto Aniello.

La Procura di Genova, in questi mesi, ha aperto diversi procedimenti penali: tra questi i reati associativi, nonché quelli di stalking e minacce nei confronti del professore Matteo Bassetti e del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Vanno inoltre segnalati anche procedimenti per lesioni aggravate da futili motivi (legati al mancato uso di mascherine) e per contraffazioni di green pass.