Tags:

levanto

Levanto, sacchi di sabbia per proteggere il nido delle tartarughe marine

di Redazione

Oltre 100 volontari, la maggior parte ragazzi tra i 18 e i 25 anni, stanno avvicendandosi per la sorveglianza notturna

Levanto, sacchi di sabbia per proteggere il nido delle tartarughe marine

A due settimane dalla nidificazione di una tartaruga Caretta Caretta sulla spiaggia di Levanto, i volontari del Gruppo ligure tartarughe marine hanno 'blindato' il nido per proteggere le uova da possibili mareggiate.
Tutto il perimetro della recinzione è stato rinforzato con sacchi di sabbia in modo da contrastare e attenuare gli effetti provocati da onde violente che potrebbero abbattersi sul nido, allagandolo o distruggendolo.
Il nido si trova infatti a circa 7 metri dalla battigia e, in caso di mareggiata, potrebbe subire dei forti danni. È stato sistemato un datalogger che, posizionato sotto la superficie sabbiosa presso il nido, registra i dati relativi a temperatura e umidità, dati che saranno utili a comprendere le condizioni ambientali relative alla deposizione e alla successiva schiusa.

Arpal sta effettuando l'analisi granulometrica del terreno per confrontare i dati ottenuti con quelli di altri siti dove la Caretta Caretta ha nidificato e il Centro Funzionale Meteo Idrologico fornisce bollettini su stato del mare e venti per 'proteggere' la zona di nidificazione.

Oltre 100 volontari, la maggior parte ragazzi tra i 18 e i 25 anni, stanno avvicendandosi per la sorveglianza notturna del nido, attività che proseguirà fino al momento della schiusa.

Intanto il Comune di Levanto chiederà ai bambini di suggerire un nome per la tartaruga che, scegliendo la spiaggia di Levanto per il suo nido, ha regalato un 'tesoro' alla cittadina. I ragazzi fino a 12 anni potranno partecipare inserendo un biglietto con il nome prescelto nei contenitori posizionati agli ingressi degli stabilimenti balneari levantesi.

La raccolta della proposte è prevista dal 1° al 5 agosto. Questa di Levanto è la seconda nidificazione di tartaruga marina dopo la nidificazione accertata a settembre a Finale Ligure che passa così il testimone a Levanto: gli studenti dell'Ipsia Leonardo da Vinci di Finale, ideatori della grafica della campagna di informazione e sensibilizzazione lanciata a maggio 2022 dal Comune di Finale Ligure hanno acconsentito che Levanto usi il logo da loro creato adattandolo con i colori propri del Comune del levante.