L'Inter passeggia, per il Genoa è notte fonda: 4-0 e addio a Thiago Motta

di Marco Innocenti

Ancora una volta Grifone costretto a cambiare tre allenatori prima di Natale

L'Inter passeggia, per il Genoa è notte fonda: 4-0 e addio a Thiago Motta

Il Natale più amaro per i tifosi del Genoa. Una sconfitta, quella contro l'Inter, che mette a nudo tutti i limiti di una rosa inadeguata, di un allenatore acerbo e forse anche un po' arrogante, oltre che di un progetto (se così si può dire...) che vede ancora una volta il Grifone costretto a cambiare il terzo allenatore prima di Natale.

A San Siro la partita dura appena mezz'ora, tanto resiste il Genoa sul campo. Poi l'Inter piazza l'uno-due che abbatte il Grifone, scrivendo la parola fine sull'esperienza di Thiago Motta sulla panchina rossoblu. Nella ripresa, una squadra che avrebbe dovuto provare a replicare per dimostrare di voler davvero lottare per il proprio tecnico, scende invece in campo con l'arrendevolezza di chi sembra invece aver già perso ogni speranza. Segno forse evidente che ormai l'allenatore è stato delegittimato.

Quattro reti sul groppone sono un fardello pesantissimo con cui fare i conti, difficili da digerire quanto un cenone di Natale, anche perché adesso scatterà una nuova scommessa, con un nuovo allenatore al comando e con un calciomercato in cui il nuovo diesse Marroccu dovrà andare a cercare i rinforzi tanto agognati da una squadra che ad oggi appare in crisi nera. Anzi, nerissima.