Condividi:


Juventus-Inter, furia Zhang contro il presidente della Lega: "Sei un pagliaccio"

di Redazione

Il presidente nerazzurro: "E ora parli di sportività e campionato regolare?"

''Giochi con il calendario e metti sempre la salute pubblica al secondo posto. Sei forse il più grande e oscuro pagliaccio che abbia mai visto. Sì, sto parlando a te. Al nostro presidente di Lega Paolo Dal Pino. Vergognati'': lo si legge nella storia Instagram dell'account ufficiale del presidente dell'Inter Steven Zhang dopo la proposta della Lega Serie A di recuperare Juve-Inter lunedì 9 marzo, insieme alle altre cinque partite dell’ultimo turno rinviate per l’allarme coronavirus.

Questo il testo integrale della storia di Instagram diffusa dall'account ufficiale del presidente dell'Inter Steven Zhang: ''Giochi con il calendario e metti sempre la salute pubblica al secondo posto. Sei forse il più grande e oscuro pagliaccio che abbia mai visto. 24 ore? 48 ore? 7 giorni? E cosa ancora? Qual è il prossimo step? E ora parli di sportività e campionato regolare? Cosa dici del fatto che non proteggiamo i nostri giocatori o allenatori e chiediamo loro di giocare per te 7/24 senza sosta? Sì, sto parlando a te. Al nostro presidente di Lega Paolo Dal Pino. Vergognati! E' ora di alzarsi e prenderti le tue responsabilità. E' così che si fa nel 2020. E' un argomento per chiunque nel mondo, non importa se è un tifoso dell'Inter o della Juventus. La sicurezza è la cosa più importante in assoluto. E' la cosa più importante per te, per la tua famiglia e la nostra società''

Arriva la solidarietà da parte degli ultrà dell'Inter nei confronti del presidente:  "Finalmente un presidente che dice le cose come stanno. Finalmente anche a livello dirigenziale si sentono parole che mettono in secondo piano il business e al centro i valori. Speriamo sia la volta buona che il mondo del calcio italiano si svegli e prenda esempio. Non può esser sempre e solo una questione di vincere a tutti i costi o di ricavi e profitti. Onore a Zhang, orgogliosi del nostro Presidente".