Condividi:


Interporto Padova cresce nel 2020 e ha un nuovo presidente: Franco Pasqualetti

di Edoardo Cozza

Il bilancio netto parla di un risultato positivo per 2,3 milioni di euro e un aumento delle unità di carica pari a circa il 14%

L’assemblea dei soci dell’Interporto Padova ha approvato all’unanimità il progetto di bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2020. L’interporto ha segnato un utile prima delle imposte pari a 2.8 milioni di euro, mentre il risultato finale netto è positivo per 2,3 milioni di euro. Nell’anno passato Interporto Padova, ha raggiunto il record di sempre delle unità di carico (container e semirimorchi) movimentate nel suo terminal:  ben 360.580 teu (unità di misura internazionale dei container) con un aumento del 13,75% rispetto al 2019. Un risultato ottenuto grazie ai 7180 treni effettuati lo per collegare la piattaforma logistica padovana con i principali porti e interporti nazionali ed europei: La Spezia, Genova, Livorno, Trieste Capodistria, Bari, Catania, Rivalta Scrivia, Colonia (in Germania) e Geleen (in Olanda).

L’assemblea ha poi nominato il nuovo cda e il collegio sindacale che resteranno in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2023.  Il consiglio è così composto: presidente Franco Pasqualetti; Umberto Zampieri, Mario Liccardo, Katià Pizzocchero, Barbara Degani, Nicoletta Salvagnini, Ugo Campagnaro, Alberto Cecolin, Massimiliano Pellizzari.