Il ministro Lamorgese: "Solidarietà al vicario della Questura di Savona aggredito sul treno a Genova"

di Redazione

"Ferma condanna per ogni atto di violenza nei riguardi sia degli operatori di polizia che del personale delle aziende di trasporto"

Il ministro Lamorgese: "Solidarietà al vicario della Questura di Savona aggredito sul treno a Genova"

Luciana Lamorgese, ministro dell'Interno, si dice "vicina al vicario della Questura di Savona aggredito su un treno per aver difeso due controllori", ed esprime "la ferma condanna per ogni atto di violenza nei riguardi sia degli operatori di polizia che del personale delle aziende di trasporto".

"Nell'augurare la pronta guarigione al dirigente, ringrazio ancora una volta tutti gli appartenenti alle forze di polizia, sempre pronti ad intervenire con coraggio ed altruismo", ha aggiunto la titolare del Viminale. 

Agostino Gallo, è stato picchiato, a Pegli, a bordo dell'Intercity proveniente da Savona dopo avere difeso una capotreno e una controllora da un passeggero che non voleva scendere perché senza biglietto.

L'uomo, un marocchino di 39 anni, è stato arrestato dalla polizia per lesioni aggravate, danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale e furto.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti delle volanti, l'uomo è salito a bordo del treno senza biglietto.

Quando la capotreno gli ha detto che gli avrebbe fatto la multa e che doveva scendere si è scagliato contro di lei.

Il dirigente della polizia ha visto la scena ed è intervenuto. Il passeggero per tutta risposta lo ha colpito in faccia rompendogli il naso e ferendolo a un occhio.

Il vicario è stato portato all'ospedale San Martino di Genova dove ha riportato lesioni con una prognosi di 40 giorni.

L'aggressore, dopo avere picchiato il funzionario, ha preso un martelletto frangivetro e ha iniziato a spaccare i finestrini prima di essere fermato dalle volanti.