Giulio Regeni: in cento alla fiaccolata a 4 anni dalla scomparsa

di Redazione

Dal Porto Antico e sino a piazza De Ferrari per chiedere la verità

Giulio Regeni: in cento alla fiaccolata a 4 anni dalla scomparsa
 

"Fiaccolata a 4 anni senza Giulio", per chiedere verità sulla scomparsa di Giulio Regeni.

Alla manifestazione organizzata questa sera nelle vie del centro di Genova da Amnesty Genova e ADI Genova hanno preso parte oltre cento persone.

Il raduno è iniziato alle 18.30 da Palazzo San Giorgio, dal Porto Antico, e poi passando da via San Lorenzo è arrivata in piazza De Ferrari.

Analoghe iniziative sono state allestite in molte altre città d'Italia per chiedere di fare luce sulla scomparsa del ricercatore.

«Non è una semplice manifestazione, ma vogliamo rinnovare con forza e costanza la domanda di verità sulla morte di Giulio ed essere un sostegno per i coraggiosi genitori Paola e Claudio» hanno spiegato gli organizzatori su Facebook.

Giulio Regeni fu ucciso in Egitto tra gennaio e febbraio di 4 anni fa.

Regeni era un dottorando dell'Università di Cambridge rapito il 25 gennaio 2016, giorno del quinto anniversario delle proteste di piazza di Tahrir; venne ritrovato senza vita il 3 febbraio successivo nelle vicinanze di una prigione dei servizi segreti egiziani.

Le condizioni del corpo, ritrovato in un fosso vicino al Cairo mostrarono evidenti segni di tortura che si ipotizzò fosse in relazione con i legami che Regeni si supponeva avesse con il movimento sindacale che si opponeva al governo del generale Al Sisi.

L'uccisione di Giulio Regeni ha dato vita in tutto il mondo a un acceso dibattito politico sul coinvolgimento nella vicenda e dei depistaggi successivi, attraverso uno dei suoi servizi di sicurezza, dello stesso governo egiziano. Tali sospetti hanno costituito motivo di forti tensioni diplomatiche fra l'Italia e l'Egitto.