Condividi:


Genova, nuovo presidio dei lavoratori di Leonardo: "Chiediamo un tavolo cittadino"

di Marco Innocenti

"La possibile dismissione della Business Unit Automazione mette a rischio 400 posti di lavoro"

Sono tornati a riunirsi questa mattina in assemblea i lavoratori dello stabilimento genovese di Leonardo, preoccupati dagli sviluppi della vertenza sulla ventilata dismissione della Business Unit Automazione. "Come prima azione - fanno sapere Fim, Fiom e Uilm - l’assemblea si è spostata per le strade di Sestri Ponente, in un presidio teso a richiamare l’attenzione della città e delle istituzioni sulla messa a rischio del posto di lavoro per 400 lavoratori. I delegati sindacali ribadiscono la necessità di un tavolo cittadino in cui si metta in sicurezza la presenza di Leonardo sul territorio e il mantenimento dell’Automazione all’interno del primo gruppo industriale del paese. Fino a che ciò non accadrà i lavoratori genovesi proseguiranno la loro mobilitazione".