Genova, la sopraelevata si rifà il look: "Tra i più grandi lavori di street art del mondo"

di Alessandro Bacci

Da luglio inizierà il "Repicta Genoa street artproject", la struttura abbandonerà il suo abito grigio per vestirsi di colori e di immagini

È partita la ricerca di sponsor per Repicta Genoa street artproject, il progetto messo in campo dall'assessorato alle Politiche culturali del Comune di Genova per la decorazione artistica della sopraelevata Aldo Moro, attraverso un grande intervento di street art al quale parteciperanno i migliori muralisti nazionali e internazionali. "La Sopraelevata è una linea d'acciaio che segna il confine tra il mare e il centro: grazie all'imponente intervento di rigenerazione urbana che andremo a realizzare, questa arteria fondamentale per il traffico cittadino abbandonerà il suo abito grigio per vestirsi di colori e di immagini - spiega l'assessore alle Politiche culturali Barbara Grosso - Sarà una gigantesca opera d'arte a cielo aperto che ci racconterà la storia di una città, capace di trasformare il volto di un'infrastruttura nata negli anni '60 del Novecento in un capolavoro di street art".

L'idea di Repicta ('ridipinta' in latino) è di trasformare la Sopraelevata in una gigantesca opera d'arte urbana: sarà uno tra i più grandi lavori di street art del mondo e attirerà un'imponente attenzione mediatica nazionale e internazionale. La superficie interessata alla decorazione artistica è quella che riguarda la pancia e i piloni della struttura, oggi di colore bluastro o grigio-blu. Alcuni piloni sono già occupati o prenotati da altri progetti sui quali, salvo pochissime opere deteriorate, non si interverrà. L'intervento sui 5 chilometri di Sopraelevata, che va dalla Foce a Sampierdarena, verrà diviso in 5 lotti. L'avvio dei lavori sul primo lotto è previsto per luglio e riguarderà l'area che va dal grande snodo di Genova ovest fino al terminal traghetti, compreso lo svincolo verso Piccapietra.