Condividi:


Genova, i lavoratori di Leonardo tornano in piazza: sciopero e protesta in Largo Pertini

di Marco Innocenti

Insieme a loro, incroceranno le braccia anche gli addetti alla mansa e alle pulizie dello stabilimento di Sestri Ponente

Non si ferma la protesta dei dipendenti Leonardo dello stabilimento di Genova, per difendere la permanenza dell’Automazione all’interno del Gruppo. Mercoledì 21 aprile a partire dalle ore 9.00 Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm hanno organizzato una manifestazione di protesta in Largo Pertini a Genova.

"In questa fase delicata della vertenza - scrivono in una nota le rappresentanze sindacali - è fondamentale coinvolgere le istituzioni per fermare questa azione di depauperamento del tessuto industriale della nostra città che mette a rischio il sostentamento di 400 famiglie genovesi".

Alla protesta e allo sciopero del 21 aprile, si sono uniti anche i lavoratori e le lavoratrici della mensa e gli addetti alle pulizie dello stabilimento genovese, preoccupati per il contraccolpo che l'eventuale uscita dell'Automazione dal perimetro Leonardo potrebbe avere. "In mensa - sottolinea Viviana Correddu di Filcams Cgil - si potrebbe registrare un calo pasti importante in un periodo storico segnato dalla pandemia e dallo smartworking che, per gli appalti di servizi aziendali in generale, sta rappresentando una piaga dalle ripercussioni occupazionali con cui, purtroppo, dovremo fare presto i conti".

Sempre domani, i sindacati avranno anche un incontro con il prefetto Carmen Perrotta per illustrare la vertenza Leonardo affinché  possa farsi parte attiva rispetto alle istanze dei sindacati dei metalmeccanici presso il Ministero.