Condividi:


Genova, Festival di Poesia: a settembre si riparte tra reading, teatro, musica

di Redazione

Haber celebra Bukowski, omaggio a Bruno Lauzi, il teatro di Igor Chierici e molti altri appuntamenti in agenda

Dopo essere stata la prima manifestazione letteraria in Italia a lanciare le letture poetiche in streaming a marzo, a tornare con gli spettacoli dal vivo a giugno e a portare la poesia nelle periferie a luglio, il 26° Festival Internazionale di Poesia di Genova "Parole spalancate" giunge alla sua quarta parte con una settimana densa di eventi dal vivo, dall'1 all'8 settembre a Palazzo Ducale e in altri punti del centro città. Alcuni eventi saranno visibili anche in diretta streaming in tutto il mondo.

Molti sono gli appuntamenti da segnare in agenda, dall'omaggio poetico e musicale a Bruno Lauzi al nuovo spettacolo teatrale di Igor Chierici, dal reading di Alessandro Haber per celebrare il centenario di Charles Bukowski alla performance su Antonin Artaud a cura di Pierpaolo Capovilla e Gianluca Bottoni, dalla presentazione del libro di Roberto Ippolito sull'ipotesi dell'omicidio di Pablo Neruda a una parodia mozartiana Un Piccolo Flauto magico di e con il musicattore Luigi Maio con il Ludwig Gesieke Ensemble.

Sabato 5 e domenica 6 settembre avrà luogo anche il 3° Salone dei Resilienti, una fiera del libro dedicata alle case editrici di poesia, alle riviste, ai blog e podcast letterari. Dalle 15 alle 20 ci saranno presentazioni editoriali, performance, letture e incontri attorno alla produzione poetica contemporanea.

Il Festival Internazionale di Poesia di Genova è cofondatore della piattaforma europea Versopolis, il più grande network internazionale dedicato alla poesia che raggruppa oltre 20 festival continentali per promuovere gli autori emergenti europei più interessanti e tradurre, pubblicare e distribuire le loro opere. Nell'ambito di questo progetto, sostenuto anche dal Progetto Creative Europe della Commissione Europea, participeranno Eleni Cay (Slovacchia), Carmen Michels (Belgio), Violeta Gil (Spagna) e Marie de Quatrebarbes (Francia).

Da segnalare inoltre l'incontro Dai cieli di Raffaello ai cieli del Terzo Millennio, nel quale l'astrofisica Francesca Matteucci e l'architetto Elisabeth Vermeer metteranno a confronto arte e scienza in un suggestivo viaggio nello spazio e nel tempo.

Un gradito ritorno è poi quello dell'artista e poeta Emilio Isgrò, noto a livello mondiale per le sue celeberrime cancellature, che al festival presenterà la sua antologia poetica Quel che resta di Dio edita da Guanda e parlerà della sua arte e della sua visione del contemporaneo.

Per quanto concerne arte e grafica, sarà presentata in anteprima assoluta POESIEdiSEGNO, prima rassegna internazionale di Disegno Umoristico e poesia dei segni grafici, con ideazione e direzione artistica di Luciana Lanzarotti e Marco De Angelis, che vuole diventare un punto di riferimento per disegnatori, grafici, cartoonist che coniugano il segno con la poesia e l’ironia.

La quarta parte del 26° Festival Internazionale di Poesia di Genova si chiuderà con la presentazione del nuovo disco di Federico Sirianni, Maqroll, dedicato ad Alvaro Mutis (che a sua volta partecipò al Festival nel 1997 con letture restate mitiche con Edoardo Sanguineti e Manuel Vasquez Montalban).

Per ottemperare alle disposizioni vigenti in materia di distanziamento sociale, i posti per gli spettacoli sono limitati ed è quindi vivamente consigliata la prenotazione tramite mail a contact@festivalpoesia.org indicando per quale evento si prenota e il numero di persone che parteciperanno.

Il Festival proseguirà nella seconda metà di settembre con la sezione “Poevisioni", dedicata al rapporto tra cinema e poesia, e con altri eventi speciali in ottobre e novembre. Info e aggiornamenti costanti sul 26° Festival Internazionale di Poesia di Genova sono sulla pagina Facebook “Parole Spalancate” e sul sito parolespalancate.it.