Genova, due traghetti salpano e sono poi costretti a tornare in porto dopo alcune ore

di Michele Varì

Il Janas per un passeggero caduto nelle scale è poi ripartito. L'Excelsior invece ha avuto un'avaria ed è ancora bloccato al terminal

Navi che partono e navi che tornano troppo presto. Non è cominciato bene il ritorno alla normalità dopo il covid19 per i traghetti in partenza dal porto di Genova già segnato l'altra sera da un raro black out del faro della Lanterna rimasto spento per tre ore.

Ieri oltre al ritardo di sette ore della partenza dell'Excellent di Gnv per le lungaggini dell'imbarco dovute alle rigorose richieste del Marocco per il covid19 altre due navi sono partite e poi sono dovute ritornare a Genova dopo alcune ore di viaggio.

La prima è stata La Janas di Tirrenia partita alla volta di Porto Torres alle 18.30 e rientrata in porto per fare trasferire al pronto soccorso dell'ospedale Galliera un passeggero di 65 anni caduto dalle scale (l'uomo non è in  pericolo di vita) sbarcato con la moglie. Il traghetto ha fatto dietrofront quando era a sette miglia dalla costa, ossia aveva percorso circa 14 km, ed è ripartito dopo mezzanotte.

L'altra nave tornata alla base è un'altra Grandi Navi Veloci, la Excelsior, partita per Palermo alle 22 e tornata in piena notte, alle 3.14: stavolta la causa è stata un'avaria. A bordo ci sono 1021 passeggeri ancora bloccati nel porto di Genova: la compagnia sta valutando in queste ore se sbarcarli e farli partire con un'altra nave.