Genova: dopo la notte di sangue in salita Pollaiuoli esercenti esasperati

di Andrea Carozzi

Chi vive e lavora nella storica salita del centro storico chiede più controlli alle istituzioni cittadine. "Alla sera sembra il Bronx"

Dopo l’ennesima rissa scoppiata molto probabilmente per questioni legate allo spaccio di droga e conclusasi con il ricovero in codice rosso di due ragazzi tunisini in seguito alle ferite da arma da taglio riportate durante la colluttazione, gli esercenti di salita Pollaiuoli, sono al limite dell’esasperazione e chiedono aiuto alle istituzioni. Stando alle testimonianze di vive e lavora nella nota via del centro storico, che collega la città vecchia al piazza Matteotti, i problemi ed il degrado cominciano a manifestarsi soprattutto al  calare della sera, quando i negozi chiudono le saracinesche lasciando spazio ai locali notturni dove vengono venduti chupiti di alcol scadente a ad appena un euro.

“Qui in zona ci sono molti bar per bene - sottolinea la proprietaria della storica Cartoleria Vassallo - ma ci sono altri locali dove l’alcol viene venduto a prezzi troppo bassi e dove i ragazzi si sballano creando non pochi problemi di ordine pubblico è soprattutto di sera che sembra di vivere nel Bronx”.

Servono più controlli e più pattuglie soprattutto la sera- racconta la titolare del Negozietto di Laura e Fettuccia - qui le istituzioni sembrano assenti e non riesco a spiegarmi il motivo, i problemi ci sono e non sembrano impossibili da risolvere”.