Genova Boccadasse torna al suo splendore, ultimati i lavori post mareggiata

di Redazione

Riqualificata l'area, messa in sicurezza, nuova illuminazione e attenzione ai disabili. La distruzione dopo la mareggiata del 2018

Cancellati i segni della distruzione della mareggiata e, in più, realizzate una serie di migliorie e innovazioni. Dall’accessibilità ai disabili alla sicurezza, con nuove ringhiere, dall’illuminazione al rifacimento del lastricato: i lavori sono stati ingenti, ma l’intervento è stato fatto “in punta di piedi”, per non alterare l’immagine storica del borgo.

A Boccadasse termineranno entro poche settimane i lavori iniziati circa un anno e mezzo fa, all’indomani della mareggiata che nella notte tra il 29 e il 30 di ottobre del 2018 ha devastato il piccolo borgo genovese dei pescatori tra muretti saltati, asfalto e pavimentazioni scavate, negozi allagati e circa 30 barche distrutte.

Il progetto è stato curato dall’ufficio progettazione del Comune di Genova e la direzione dei lavori è stata affidata all’Area delle Risorse Tecnico Operative del Comune. Il cantiere ha previsto la riqualificazione del borgo e della passeggiata a mare, con l’uso di pietre storiche, il recupero del ciottolato antico, la sostituzione della pavimentazione che nel tempo aveva visto sovrapporsi ciottoli e asfalto. Anche il muretto di protezione in cemento armato, danneggiato dalla mareggiata, che aveva suscitato alcune critiche nella sua versione provvisoria, è stato fasciato con pietra dell’Antola per riacquistare un aspetto storico.
 
Sono state pensate soluzioni coerenti con il contesto paesaggistico e il ripristino dei sentieri storici, di concerto con la Soprintendenza, con particolare riguardo alla crosa di via e piazzetta della Casa, oltre ad alcune migliorie di accesso.
 
Ecco i dettagli dell’intervento:
 
- ripavimentazione (1200 mq) dell’intera passeggiata a mare con lastre in pietra di arenaria di Bedonia, disposta a corsi alternati di varie dimensioni, e ripristino delle pendenze per il deflusso delle acque meteoriche verso il mare e il completamento della realizzazione di sottoservizi;

-ripavimentazione di con lastre di arenaria di Bedonia (170 mq) e il ripristino di acciottolature antiche di via della Casa e della piazzetta, con il rifacimento e la manutenzione di sottoservizi,
 
- rifacimento dell’impianto di smaltimento delle acque meteoriche su piazzale Bassano sostituendo le caditoie in ghisa con elementi in arenaria; con il riposizionamento di tutti i chiusini della stazione di pompaggio delle fognature;

-sostituzione e integrazione dell’impianto di illuminazione pubblica per un numero totale di 10 lampioni, compreso il rifacimento delle reti distributive e il contestuale ripristino dell’illuminazione della “Madonnina” sullo scalone di collegamento Belvedere Firpo e piazza Bassano;
 
- fornitura di carrozzella da “spiaggia” e di una passatoia amovibile e srotolabile con piano di calpestio in doghe in materiale ecocompatibile per consentire anche ai disabili una migliore accessibilità alla spiaggia;
 
- recupero dei locali ex proloco, con adeguamento dei servizi igienici alla normativa sull’accessibilità;
 
- risistemazione della pavimentazione di piazza Nettuno attraverso la ristilatura dei giunti previa la loro completa rimozione e risistemando integralmente con il riposizionamento delle lastre le zone che presentavano avvallamenti e cedimenti; 
 
- ripristino di porzioni del bordo esterni della spiaggia nelle zone danneggiate che presentavano pericolo per il transito pedonale;
 
- sistemazione della scala per l’accesso a piazzale Bassano dal belvedere Firpo con ripristino dei gradini e della ringhiera ammalorata, il ripristino dei corrimano e il rifacimento totale dell’intonacatura e la coloritura del muraglione;

-pulitura del muraglione di Belvedere Firpo e creazione di una aiuola ai piedi della scala di accesso a piazzale Bassano;

- rifasciamento con pietra dell’Antola ed intonacatura interna del muretto di protezione del fronte mare di piazzale Bassano nel tratto tra la spiaggia e la scogliera, con allargamento dei “barbacani” per il deflusso delle acque;
 
- infine, in corrispondenza del tratto terminale del lato ovest della passeggiata, ripristino del muretto danneggiato dalle mareggiate con realizzazione di una seduta in pietra arenaria di Bedonia, e installazione di massi di protezione.
 
I lavori avranno una spesa complessiva di 950 mila euro Iva compresa, con fondi che sono stati stanziati dalla Regione Liguria.

“Restituiamo ai genovesi e ai turisti che visitano e visiteranno Genova la bellezza del borgo di Boccadasse – dice il sindaco di Genova Marco Bucci -. Una delle nostre perle, uno dei biglietti da visita della città nel mondo. Distrutta da una mareggiata che ci ha ferito profondamente, siamo riusciti a renderla ancora più bella di prima con accorgimenti architettonici e una cura definita di tanti particolari. Siamo ormai alla fine dei lavori, attendiamo ancora qualche intervento per l’abbattimento delle barriere architettoniche necessario perché tutti possano usufruire della spiaggia del borgo più incantevole del mondo”.