Genova, Alisa vara una nuova strategia per i Pronto Soccorso

di Redazione

Variazioni nel carico previsto fra Ospedale Evangelico e Villa Scassi. Un neurologo sarà sempre presente all'Ospedale di Voltri

Genova, Alisa vara una nuova strategia per i Pronto Soccorso

Una nuova strategia, coordinata da Alisa coinvolgendo tutte le aziende e gli enti dell'area metropolitana genovese per rendere più efficienti i pronto soccorso.

Lo annuncia una nota della agenzia dove si spiega che nei "giorni in cui vengono attivate le nuove linee guida per la gestione del sovraffollamento, altre misure sono state definite e programmate". Il primo passo è l'attivazione della convenzione che coinvolge il Policlinico San Martino per garantire la presenza presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale di Voltri di un neurologo che si affianca quello già in attività presso l'Evangelico.

È inoltre previsto un incremento della copertura dell'attività del 118 dell'Evangelico dal 9% al 12% delle necessità in Area Metropolitana, con contestuale alleggerimento del carico sul Pronto Soccorso dell'Ospedale Villa Scassi di Sampierdarena. "Il rafforzamento delle attività dei Pronto Soccorso proseguirà con una seconda fase, prevista dopo l'estate, che prevede l'attivazione dell'area medica al quarto piano dell'Ospedale di Voltri, con assunzioni di medici, infermieri e Oss, per attività a supporto del pronto soccorso. Nella seconda fase, alla luce di questi provvedimenti, la copertura dell'attività dell'Evangelico potrà raggiungere il 15% delle necessità dell'area metropolitana genovese".

"Si tratta di una operazione che porta a una maggiore sinergia tra gli enti e le aziende del territorio e che renderà più efficienti e funzionali i pronto soccorso, in modo che i servizi siano sempre più coerenti con le esigenze dei cittadini - commenta il presidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Giovanni Toti - Il rafforzamento e l'efficientamento dell'attività dei pronto soccorso rientrano a pieno titolo nel più ampio percorso di ritorno alla normalità e alle funzioni ordinarie del sistema sanitario in questa fase di calo della quarta ondata".

"Siamo estremamente soddisfatti - ha detto Filippo Ansaldi, Direttore Generale di Alisa - delle decisioni condivise e finalizzate al rafforzamento dei Pronto Soccorso, nell'ambito di una strategia coordinata, destinata a garantire una migliore gestione dell'emergenza-urgenza, in particolar modo nelle aree del ponente genovese".