Condividi:


Genoa, Braglia: "Perin? Avrei preso Bulka. Servono due o tre acquisti"

di Redazione

L'ex portiere a Telenord: "3-5-2 non penso sia la soluzione per dare tranquillità. Faggiano? Spero che Preziosi lo faccia lavorare"

Tra le novità della nuova stagione sportiva di Telenord c'è Simone Braglia. L'ex portiere del Genoa parteciperà in collegamento a We Are Genoa e alle altre trasmissioni sportive dell'emittente. L'ex giocatore, intervenendo a Tgn Calcio, ha analizzato il momento del Genoa partendo dal mercato e i prossimi obiettivi: : "Cutrone è un ottimo giocatore che sarebbe un acquisto importante. Tra Cutrone e Inglese preferirei Inglese. Penso che il Genoa debba fare ancora due o tre acquisti, poi dipende dagli obiettivi. Il problema è il budget che probabilmente è limitato, il ruolo di Faggiano è fondamentale. Arrivare a certi giocatori è difficile, il fatto che la pista Inglese si sia raffreddata è data dall'onerosità di Inglese."

A difendere la porta c'è ancora Mattia Perin "Credo che il Mattia 'ante lockdown' sia il vero Mattia, sul post lockdown ho qualche riserva. Spero che abbia quella voglia dei primi momenti genoani. Avrei fatto una scelta diversa, sarei andato su un giovane: avrei preso Bulka del Psg. La scelta mi soddisfa ma l'unico tarlo che mi può rimanere, essendo un ex portiere, è legato all'integrità fisica di Mattia perchè le sue doti non si discutono."

Faggiano potrebbe avere in mente una rivoluzione? "Non è un problema, è giusto che chiunque arrivi faccia valere le proprie linee. Spero che Preziosi possa far lavorare Faggiano."

Sul modulo: "Penso che Maran se ne accorgerà, credo che il modulo a tre non sia praticabile per il Genoa. Poi il tecnico vedrà i primi risultati. La Sampdoria ha acquisito le proprie sicurezze non prendendo goal e il Genoa con quel 3-5-2 non penso sia la soluzione per dare tranquillità."