Condividi:


Genoa, Ballardini sul derby: “Io imbattuto? Mi tocco...”

di Gregorio Spigno

L’allenatore del Genoa ha commentato la sfida contro l’Inter: “Disordinati nel secondo tempo. Lukaku un esempio, fa la differenza”

Davide Ballardini non fa drammi. Una sconfitta, quella subita dall'Inter, sulla carta abbastanza pronosticabile, specialmente se si fanno i calcoli in vista del derby in programma mercoledì.

Con la solita calma olimpica, il tecnico del Genoa ha fatto il punto sul 3-0 di oggi: "Nel primo tempo il Genoa se l'è giocata, creando anche situazioni pericolose. Nel secondo, invece, non siamo stati ordinati e potevamo fare meglio. L'Inter è certamente la squadra favorita, perchè non ha più nessun altro impegno: tutta la loro attenzione viene prestata, con grandi calciatori, al campionato. Cosa che altre squadre non si possono ancora permettere".

Sul turnover: "Abbiamo fatto delle valutazioni sui diffidati e su chi soffre tante partite ravvicinate, in base a tutto questo. Due vittorie e due pareggi nei derby? Mi tocco. A volte si fanno queste scelte perché te lo dicono i giocatori stessi e i dati. Però puoi far riposare un giocatore e ottenere l'effetto contrario. Ci sono tanti ragazzi che non reggono due partite in tre giorni. Detto questo, il Genoa oggi poteva fare meglio, nonostante fosse di fronte ad una squadra forte e in salute. Lukaku penso sia un leader in tutti i sensi, come ragazzo sembra straordinario, e poi è un esempio in campo, per impegno e qualità. È un giocatore che fa la differenza, tanta differenza".