Condividi:


Genoa, Badelj e Pjaca: "Abbiamo scelto una società storica"

di Maria Grazia Barile

I due colpi di mercato, arrivati la scorsa settimana, sono stati presentati dal direttore generale Ricciardella che ha fatto gli onori di casa

Milan Badelj e Marko Pjaca presentati ufficialmente dal Genoa. A fare gli onori di casa il direttore generale Flavio Ricciardella. L'ex laziale Badelj, già in evidenza nel debutto con il Crotone, ha spiegato così il motivo della scelta: "Mi hanno convinto molte cose, soprattutto l'allenatore che mi ha voluto sin dall'inizio assieme al direttore sportivo Faggiano che mi ha fatto capire che avevano tantissima voglia di avermi qui. Poi ho fatto le mie valutazioni e venire qui che è una piazza storica con una tifoseria che, da avversario, mi ha sempre incantato come se qui ci fosse qualcosa di particolare. Ho rinunciato anche ad un anno di contratto, volevo che la piazza capisse che a Genova è arrivato un giocatore con la voglia di vestire questa maglia che ha voglia di fare grandi cose".

Badelj ha fatto poi riferimento al gruppo che ha trovato al Genoa: "Nei miei primi dieci giorni ho visto un gruppo unito con dei valori veri. Già questa è una base sulla quale poter lavorare per avere una stagione più tranquilla rispetto alle precedenti. Sin dal primo allenamento mi sono inserito bene perché il gruppo mi ha accettato come se fossi stato già qua. Il merito va ai ragazzi della squadra e allo staff medico".

Sull'esordio: "Dal punto di vista fisico mi sono sentito bene, tutti quanti abbiamo trasmesso quanto fatto durante gli allenamenti. Il centrocampo determina certe cose però al giorno d'oggi le chiavi sono in mano a tutta la squadra. La gara viene gestita un po' da tutti i reparti. Importante avere un bel equilibrio in campo".

Badely ha parlato anche degli obiettivi rossoblu: "Siamo all'inizio, dobbiamo continuare a lavorare. La squadra e la piazza meritano  molto di più rispetto al passato". 

Sulla stessa lunghezza d'onda Marko Pjaca: "I primi giorni per me sono stati veramente belli. E' un club storico con ragazzi bravissimi che conosco da un po' di tempo. Mi sento quasi come a casa. Maran mi ha fatto una buona impressione. Ci conosciamo da qualche giorno e mi auguro di fare un'ottima stagione. Abbiamo iniziato bene, dobbiamo continuare con questo spirito e questo gioco. Possiamo fare una stagione importante. Dobbiamo continuare con questa voglia".

Sul gol all'esordio, Pjaca taglia corto: "Spero che la sfortuna mi abbia abbandonato e che ora possa giocare con calma senza guardare più indietro. Mi sono allenato bene e spero di non subire altri infortuni. Non mi sono posto un obiettivo sul numero di gol, non lo faccio mai. La cosa più importante è che la squadra faccia bene".