Fuga di gas a Vallecrosia, un solo appartamento inagibile. Intanto s'indaga sulla regolarità dell'impianto

di Marco Innocenti

Le spesse mura in pietra hanno limitato i danni agli altri appartamenti dello stabile, distribuendo l'onda d'urto causata dall'esplosione

Fuga di gas a Vallecrosia, un solo appartamento inagibile. Intanto s'indaga sulla regolarità dell'impianto

Un solo appartamento, quello interessato dall'esplosione, e la stanza di un alloggio al piano superiore, sono stati resi inagibili a causa dell'esplosione che intono alle 17.20 del giorno di Natale ha interessato una palazzina a tre piani del centro storico di San Biagio della Cima, nell'entroterra di Vallecrosia (Imperia).

Nella deflagrazione, dovuta alla perdita di gas da una bombola da cucina che ha parzialmente saturato l'appartamento, è rimasto ferito a una mano l'unico inquilino, un giovane di 23 anni che ha innescato il gas accendendo la luce.

L'onda d'urto, propagatasi anche per la tromba delle scale, ha mandato in frantumi diverse finestre, scardinando alcune porte di ingresso. I carabinieri e i vigili del fuoco stanno cercando di ricostruire la dinamica dell'accaduto e capire se vi siano eventuali responsabilità riguardanti la regolarità dell'impianto.

All'inizio si temeva che fossero tre o quattro gli appartamenti inagibili, proprio a causa delle porte scardinate. Le spesse mura in pietra della casa e i soffitti a volta sono valsi limitare i danni e a meglio distribuire la 'botta' d'energia dovuta all'esplosione.