Fu condannato a Imperia, ora la Finanza gli sequestra beni per 3 milioni

di Edoardo Cozza

Operazione della Gdf nei confronti di un imprenditore reo di bancarotta fraudolenta secondo i tribunali della città ligure, di Monza e di Milano

Fu condannato a Imperia, ora la Finanza gli sequestra beni per 3 milioni

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Milano hanno sequestrato, come disposto dal Tribunale del capoluogo lombardo - Sezione Autonoma Misure di Prevenzione - beni del valore di oltre 3 milioni di euro, comprensivo di disponibilità finanziarie, 11 immobili e 30 terreni in provincia di Novara e Catanzaro, nei confronti di un imprenditore operante nel settore della distribuzione, già condannato con sentenze definitive per reati di bancarotta fraudolenta, complessivamente a quindici anni e tre mesi di reclusione dai Tribunali di Milano, Monza e Imperia.

L'indagine - spiega una nota - nasce dalla valorizzazione di risultanze investigative raccolte all'esito di complesse indagini economico-finanziarie, condotte nell'ambito di diversi procedimenti penali, dai militari dei Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria di Milano e di Imperia. In particolare, gli accertamenti patrimoniali fatti dai finanzieri del G.I.C.O. - Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata - del Nucleo P.E.F. di Milano, hanno permesso di scoprire che l'uomo, dal 1983 al 2018, ha effettuato direttamente o tramite i suoi familiari ingenti investimenti nel campo immobiliare per importi sproporzionati rispetto ai redditi dichiarati.