Ferrovia Genova-Ovada-Acqui Terme, soccorso ad un manutentore ferito ma è solo un'esercitazione

di Marco Innocenti

E' andata in scena dalle 7.30 alle 13.30 all'interno della galleria del Turchino e non ha avuto ripercussioni sulla circolazione dei treni

Ferrovia Genova-Ovada-Acqui Terme, soccorso ad un manutentore ferito ma è solo un'esercitazione

Si è svolta questa mattina, domenica 19 dicembre, nella galleria del Turchino, sulla linea ferroviaria Genova-Ovada-Acqui Terme, un'esercitazione di soccorso sanitario, che ha visto coinvolte le squadre di emergenza e di primo intervento del Gruppo FS e le strutture operative di Croce Rossa Italiana, 118, Numero unico emergenze 112 e Croce Verde di Mele. È stato simulato l’infortunio ad un agente della manutenzione di Rete Ferroviaria Italiana ferito a seguito svio di un mezzo d’opera impiegato per interventi all’infrastruttura a circa 500 di metri dopo l’imbocco della Galleria Turchino.

L’agente di scorta che opera, insieme al collega ferito, presta i primi soccorsi e rendendosi immediatamente conto della gravità del trauma e nell’impossibilità di condurre il veicolo presso la più vicina stazione, provvede immediatamente ad allertare i soccorsi con la chiamata di emergenza, chiedendo l’intervento urgente dei soccorritori sul luogo dell’evento. Il gestore dell’emergenza, valutata la situazione in base alle informazioni ricevute, chiede l’intervento dei sanitari tramite chiamata al NUE 112. L’infortunato verrà trasferito sull’ambulanza e portato al pronto soccorso per le cure necessarie. 

Particolare attenzione è stata riservata alla verifica dell’efficacia e della rapidità dell’attivazione delle procedure per la gestione delle emergenze. L’esercitazione rientra tra le iniziative programmate periodicamente con lo scopo principale di verificare l’efficacia del flusso comunicativo e della catena del coordinamento, nonché la prontezza dell’intervento delle strutture del territorio. Il tutto per migliorare gli standard di sicurezza e la tutela delle persone, delle cose e dell’ambiente.

L'esercitazione è iniziata alle 7.30 ed è terminata alle 13.30, in una fascia oraria programmata in assenza di treni viaggiatori. Nessuna ripercussione sulla circolazione dei treni.