Ferrero con lo yacht nelle acque protette di Pianosa: multa per il presidente della Sampdoria

di Alessandro Bacci

L'imbarcazione è stata raggiunta dai carabinieri forestali, il patron blucerchiato aveva attraccato gettando l'ancora nelle acque di Cala dell'Alga

Ferrero con lo yacht nelle acque protette di Pianosa: multa per il presidente della Sampdoria

Lo yacht "Astondoa" con a bordo Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, è stato multato per 700 euro dai carabinieri forestali di Portoferraio (Livorno), dopo che il 15 agosto scorso aveva attraccato gettando l'ancora nelle acque di Cala dell'Alga a pochi metri dalla costa dell'isola di Pianosa, in violazione di una zona di mare proibita e protetta a tutela integrale del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano. Lo rivela Legambiente, con una nota, in cui gli ambientalisti si complimentano con i carabinieri chiedendo al ministero un inasprimento delle sanzioni per questo tipo di violazioni.

Lo yacht, battente bandiera spagnola, secondo quanto accertato dai militari, era arrivato in prossimità di Cala dell'Alga verso le 13 e un'ora più tardi è stato abbordato dal gommone del forestali che concluso l'accertamento hanno multato Ferrero. Per quella zona di mare, definita 'zona 1', si intende una zona tutelata dal Parco, con un alto grado di protezione. Si tratta di una riserva integrale, dove sono vietati l'accesso, la navigazione, la sosta, l'ancoraggio la pesca e l'immersione. E' proibito dunque anche il solo transito tant'è che le prescrizioni prevedono la navigazione almeno a un miglio dalla costa di Pianosa.