Covid Liguria, Gimbe chiede restrizioni. Toti replica: "Un'assurdità, nessuna emergenza"

di Alessandro Bacci

Il presidente: "La curva di crescita del virus a Spezia sta rallentando, i ricoverati nell'intera regione si riducono di 11"

Covid Liguria, Gimbe chiede restrizioni. Toti replica: "Un'assurdità, nessuna emergenza"

"Un'assurdità che non tiene conto degli ultimi dati: la curva di crescita del virus a Spezia sta rallentando, i ricoverati nell'intera regione si riducono di 11, direi che non c'è nessuna emergenza e non sapremo quali misure prendere". Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti risponde così alla richiesta del presidente della fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta che, a fronte dei numeri della Spezia, tra le sette provincie italiane con la più alta incidenza, chiede restrizioni a livello locale.

Il presidente Toti, inoltre, smentisce l'ipotesi di un aumento dei posti letto covid. "Non c'è nessun piano incrementale in previsione - spiega - perché i pazienti calano. Funzionano sempre i nostri sistemi di rotazione verso strutture di riabiltazione e abbiamo un numero di posti letto più che sufficiente a gestire non solo questo momento ma anche se dovessero triplicare i dati senza bisogno di toccare in modo diverso il nostro assetto sanitario".