Condividi:


Coronavirus, stop a esami e lezioni all'Università di Genova per una settimana

di Redazione

Chiusura anche a La Spezia, attesa la decisione per le scuole

L'Università di Genova ha decretato lo stop agli esami e alle lezioni per una settimana. La decisione è arrivata dal rettore Paolo Comanducci per prevenire qualsiasi tipo di disagio e pericolo per studenti e docenti derivante dall'emergenza coronavirus. A partire da lunedì 24 febbraio l'università si fermerà per una settimana, di seguito il testo della nota:

"Cari docenti, studenti e personale tabs, stiamo seguendo l’evoluzione dell'infezione da Coronavirus in Liguria e nel resto del Paese, attenti alle indicazioni che ci provengono dalle istituzioni preposte alla tutela della salute pubblica, e ai suggerimenti dei nostri specialisti in campo medico. La situazione, sempre più seria, richiede di attuare misure appropriate nell'interesse della comunità accademica e della popolazione ligure. Ieri sera il Consiglio dei Ministri ha previsto misure di contenimento del contagio, anche limitando la circolazione delle persone. Al fine quindi di contribuire a ridurre gli spostamenti di grandi numeri di soggetti, vista l’ampia area di provenienza e la numerosità degli studenti del nostro Ateneo, abbiamo deciso cautelativamente di sospendere per una settimana ogni attività didattica (lezioni e esami) a partire da domani, lunedì 24 febbraio, garantendo, nella misura del possibile, che date e scadenze del calendario accademico saranno adeguate di conseguenza. L’ateneo e i suoi spazi rimangono comunque aperti e fruibili, comprese le biblioteche. Sono consapevole che questa decisione creerà dei disagi, che cercheremo però di attenuare attraverso interventi di riprogrammazione delle attività didattiche".

Anche il Polo Marconi, propaggine spezzina dell'università di Genova, ferma lezioni e esami per una settimana, così come deciso dal rettore dell'ateneo genovese Comanducci. Non è esclusa la chiusura delle scuole. "Stiamo valutando - ha detto il sindaco di Genova Bucci -, ne parleremo stasera". "Dovremo trovare un equilibrio - ha detto il governatore Toti - Stiamo predisponendo un'ordinanza regionale condivisa col ministero che preveda elementari precauzioni. Siamo pronti a emanarla stasera e sarà in vigore da domattina".