Condividi:


Coronavirus, 5 morti in Liguria. Sale a 34 il numero dei contagiati

di Alessandro Bacci

Toti: "Ci stiamo attrezzando per una crescita esponenziale nella regione"

"I casi sono cresciuti da 24 a 34 e sono in corso alcune decine di tamponi, domani il numero potrà crescere." Così ha esordito il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nella consueta conferenza stampa di aggiornamento sulla situazione coronavirus sul nostro territorio.

"Di questi 34 gli ospedalizzti sono 23, a domicilio 11 - prosegue Toti - Abbiamo posto in sorveglianza preventiva 521 persone, in aumento rispetto a ieri. I deceduti sono 5, uno più di ieri. Si tratta di un uomo di 76 anni ricoverato nel reparto malattie infettive di Sanremo. Per la prima volta stanno comparendo dei casi autoctoni liguri e non solo dai cluster noti di Alassio, Laigueglia, Rapallo e La Spezia. Tracciare le loro vite e i contatti e assai più complicato. Vedendo la Lombardia e Piemonte abbiamo la visione pre preparaci a una crescita esponenziale in Liguria. Non siamo pessimisti ma ci aspettiamo un incremento di pazienti. Stiamo cercando strutture per la sorveglianza attiva nel caso in cui i casi si dovessero moltiplicare. Siamo attrezzati ed è per questo che ho chiesto un senso a di responsabilità a tutti. Ci prepariamo per picchi importanti ma senza andare in affanno. In questi giorni i nostri Pronto Soccorso sono scarichi di pazienti e questo è un aspetto su cui dovremo riflettere una volta terminata l'emergenza. È vero che spesso si muore di Coronavirus ma è anche vero che nella maggior parte dei casi si vive."

"L'ospedale di Voltri è stato individuato per le medie intensità di cure - ha risposto Toti sulla questione - Dobbiamo proteggere il San Martino che è diventato una sorta di fortino per questa emergenza. Penso che tutti i quartieri debbano dare il proprio contributo. Penso che fare polemica sia una cosa idiota in questo momento. L'ospedale tornerà alla propria funzione quando sarà finita la crisi. Nessuno in questo momento può fare polemica, lo trovo un atteggiamento sconsiderato."