Cornigliano, Arcelor Mittal mette in cassa integrazione 130 dipendenti

di Marco Innocenti

L'annuncio a meno di 24 ore dalla firma sul nuovo accordo col governo

Cornigliano, Arcelor Mittal mette in cassa integrazione 130 dipendenti

A nemmeno 24 ore di distanza dalla firma sul nuovo accordo con i Commissari straordinari, ArcelorMittal ha avviato le procedure di cassa integrazione per 130 lavoratori dello stabilimento di Cornigliano, in un polo che in totale conta poco più di mille dipendenti. La cassa prenderà il via il prossimo 30 marzo quando, a finire a zero ore per 13 settimane, saranno 32 impiegati e quadri, 14 intermedi e 84 operai. "Allo stato - si legge nella nota diffusa dall'azienda - è ipotizzabile una ripresa del mercato a valle di detto periodo" ma, avverte l'azienda, "fatta salva la verifica della necessità di una eventuale proroga". La stessa procedura è stata avviata anche per il sito di Taranto, dove a finire in cassa integrazione saranno 1273 degli 8237 dipendenti. Venerdì 13 marzo è già in programma un incontro fra l'azienda e i sindacati, che promettono battaglia.