Condividi:


Confcommercio-Censis: "Un italiano su cinque non andrà in vacanza"

di Edoardo Cozza

Nel report certificato anche il crollo dei consumi: mediamente spesi 1831 euro in meno rispetto al 2019

Il 20% degli italiani non andrà in vacanza, la metà delle famiglie è ancora indecisa sul da farsi: sono alcuni degli spunti che fornisce il report Confcommercio-Censis sull'impatto della pandemia. 

Secondo lo studio, nel 2020 sono crollato i consumi: mediamente un italiano ha speso 1831 euro in meno rispetto all'anno precedente: in totale la quota di risparmio arriva a 82 miliardi, il che indica come l'incertezza freni ancora la ripresa. Questo anche perché i pessimisti su un pronto rilancio economico sopravanzano ancora gli ottimisti. 

"La pandemia si sta attenuando e ci sono le condizioni per ripartire in sicurezza. Le imprese hanno bisogno di più normalità e certezze per poter pianificare le loro attività",  afferma il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli. "A cominciare - aggiunge - da sostegni più robusti che devono ancora arrivare. Occorre accelerare per recuperare le perdite e rafforzare una crescita economica che è ancora troppo debole".