Condividi:


Candiani a Fuori Rotta: "Il governo Conte? Gli italiani non ne potevano più"

di Marco Innocenti

Così il senatore leghista che aggiunge: "Assurdo contrapporre europeisti e anti-europeisti: è una semplificazione fuori luogo"

Il suo nome è corso su e giù per i corridoi della politica romana come quello del più papabile per il ruolo chiave di futuro sottosegretario all'Interno, ma Stefano Candiani, senatore della Lega, in collegamento nell'ultima puntata di "Fuori Rotta", sull'argomento ha preferito non 'sbottonarsi' troppo. Chiaro e netto invece il suo apprezzamento sul nuovo corso impresso dal neo presidente del Consiglio Mario Draghi, soprattutto sul fronte della strategia di comunicazione. "Certamente il discorso di Draghi va oltre il governo Conte e questo non può che farci piacere - ha spiegato - perché gli italiani non ne potevano più. Va oltre anche nel modo di esprimersi, molto sobrio e finanche disarmante, per quanto è stato pragmatico e asciutto. Eravamo su una brutta china, arrivando addirittura ad anticipare i dpcm dagli annucni di Casalino alla stampa, con le comparsate di Conte. Un modo di fare completametne differente, molto asciutto com'è giusto che sia".

"E' ovvio - ha aggiunto Candiani - che quello che chiediamo a Draghi di difendere l'interesse degli italiani in un momento in cui bisogna risolvere la crisi economica e pandemica ma farlo in un quadro europeo, tenendo presente che l'interesse dell'Italia deve essere prevalente, sia su quelli di parte che su quelli ideologici. In passato è stato molto facile per qualcuno, specialmente a sinistra e specialmente nel Pd, incasellare tutti in un quadro di "Viva l'Europa" o "Abbasso l'Europa". Se fai la critica allora sei un anti-europeista. E' una semplificazione fuori luogo perché a noi in questo momento interessa far valere l'Italia sapendo bene che da soli avremmo più fatica a risolvere i problemi rispetto a un quadro combinato con il supporto dei fondi europei. Ma occorre soprattutto far rispettare gli italiani e acquisire anche un po' d'orgoglio".